Normativa e obblighi 

Il Decreto Legislativo 152/06 (ex D. L.Nr. 22/97), unitariamente alle Direttive CEE 91/156, 91/689, 94/62, regolamenta la gestione dei rifiuti di qualunque genere. Tra questi viene anche regolamentato il trattamento dei rifiuti speciali non pericolosi da ufficio, siano essi riutilizzabili o non riutilizzabili.

Toner e cartucce da stampa esausti sono considerati per legge in maniera differente a seconda del produttore del rifiuto: 
Rifiuti Urbani: sono quelli prodotti dai privati e possono essere smaltiti con le stesse modalità con le quali oggi si conferisce il rifiuto domestico;
Rifiuti Speciali: sono quelli prodotti dalle Aziende o titolari di singole Partite IVA. In questo caso il rifiuto deve essere smaltito obbligatoriamente tramite un canale che ne consenta la completa tracciabilità.

Obblighi per i titolari di partite Iva:
Il soggetto con Partita IVA viene considerato a tutti gli effetti come il responsabile della produzione del rifiuto e, in quest’ottica, deve: 
• Verificare di aver conferito il rifiuto ad operatore in possesso delle autorizzazioni necessarie. 
• Compilare e conservare per almeno 5 anni il modulo F.I.R. 
• Conferire i rifiuti almeno una volta all’anno. 

Il soggetto Partita Iva deve quindi obbligatoriamente conferire il materiale di consumo esausto, almeno una volta all’anno, ad operatori appositamente autorizzati ed in possesso delle certificazioni previste per legge. 

 

La soluzione Martinelli per il ritiro e lo smaltimento delle cartucce esauste

Raccolta “Cartucce Utenti Privati” (servizio gratuito)

Grazie alla convenzione con i concessionari del servizio di smaltimento rifiuti urbani tutti i nostri negozi possono accettare cartucce esauste da smaltire da privati. All'interno di ogni negozio Martinelli, infatti, sono predisposti contenitori ad hoc per questo servizio. 

 

Raccolta “Cartucce Partite IVA” (servizio a pagamento)

Il nostro servizio “CARTUCCE PARTITA IVA” prevede la fornitura di contenitori di dimensioni variabili, a seconda delle necessità del cliente e il loro successivo ritiro. Una volta acquistato il servizio al cliente non resta che prenotare il ritiro contattando il nostro centro logisitico, ogni volta che il contenitore è pieno. In ottemperanza agli obblighi di legge il ritiro del contenitore deve essere effettuato comunque almeno una volta all'anno. Sono disponibili diverse tipologie di contenitori e in caso di grandi quantità di prodotti da smaltire è anche possibile richiedere un preventivo personalizzato. Per ordinare il servizio è sufficiente selezionare una delle opzioni qui sotto. 

1/5 stampanti

Contratto Light 

€ 115,00 + IVA (annuale)

Capienza 60 L. 1 ritiro annuo.

6/12 stampanti

Contratto Medium

€ 180,00 + IVA (annuale)

Capienza 110 L, 1 ritiro annuo.

Più stampanti o ritiri "una tantum"

Contratti Personalizzati

PREZZO a RICHIESTA

Invia mail o contattataci 

 

 Cartucce con contratto di manutenzione (servizio gratuito)

Con il Contratto IMPRINX LASER TONER MAINTENANCE  il cliente acquisisce il diritto alla manutenzione gratuita del toner da stampa e al conseguente ritiro gratuito dei consumabili esausti.

Il contratto è subordinato all’acquisto in via esclusiva dalla MARTINELLI dei prodotti originali OEM IMPRINX o Buffetti. Secondo le norme del contratto "LASER TONER MAINTENANCE", MARTINELLI  è da qualificarsi quale produttore - ai sensi dell'art. 266, comma 4 - dei rifiuti derivanti dall’attività di manutenzione svolta dalla stessa MARTINELLI.

Per questo tipo di attività MARTINELLI è iscritta all’albo gestori ambientali in categoria 2Bis per il trasporto dei rifiuti effettivamente destinati al riutilizzo (nr. BO/01995 del 05/05/2011). Ai fini di trasparenza, circa l’attività di trasporto rifiuti svolta da MARTINELLI, è possibile consultare il sito http://www.albogestoririfiuti.it

Per effetto di quanto detto MARTINELLI manleva il CLIENTE (per il fatto di non risultare produttore dei rifiuti in oggetto) da ogni responsabilità derivante dall'inosservanza delle disposizioni di cui alla parte IV del D.Lgs 152/06.

Il servizio è disponibile nelle sole zone dove sono dislocate le sedi dei negozi MARTINELLI, nelle province di Modena, Reggio Emilia e Parma

Sezione FAQ Recupero, Trasporto e Smaltimento dei toner e delle cartucce esauste

Le risposte alle domande più frequenti  

Cartucce e toner esausti non sono rifiuti speciali assimilabili agli urbani diventarlo; non sono rifiuti di imballaggio; non sono rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). 

Le cartucce a getto d’inchiostro e toner per stampanti laser e nastri danno origine a rifiuti speciali non pericolosi, classificati con CER (Codice Europeo Rifiuti) 08.03.18.

I D.Lgs 152/06 e 205/10 (e successive modifiche) stabiliscono che i produttori di rifiuti speciali, cioè tutti i soggetti sottoposti a partita Iva (quindi aziende ed uffici) hanno l’obbligo di smaltire correttamente i rifiuti prodotti e di dimostrare l’avvenuto smaltimento, almeno una volta all’anno. 

Le aziende hanno la facoltà di raggruppare toner e cartucce vuote presso la propria sede, raccogliendoli all’interno di appositi contenitori (Ecobox) per un periodo limite di 12 mesi, oltre i quali scattano gli obblighi di smaltimento secondo le procedure stabilite dalla legge (Art. 183 comma 1 lett. M) del D.Lgs. 152/2006 e D.M. 22 Ottobre 2008). 

Al momento del ritiro l’azienda deve ricevere la prima copia del formulario di identificazione rifiuti (F.I.R) che certifica l`avvenuta presa in carico del rifiuto. Il formulario d’identificazione rifiuti si compone di 4 copie: la prima resta al produttore del rifiuto, le altre tre copie sono prese in consegna dal trasportatore per tutta la durata del trasporto fino al conferimento ad impianto autorizzato. La seconda copia rimane all’operatore dell’impianto di recupero/smaltimento, la terza viene mantenuta dal trasportatore e la quarta deve essere restituita al produttore entro 90 gg dalla presa in carico del rifiuto dall’impianto di conferimento. Il produttore del rifiuto dovrà conservare questo documento per 5 anni, segnalando dove è conservato e indicare sullo stesso, nello spazio riservato alle annotazioni, l’esonero dall`obbligo di tenuta del registro di carico e scarico. (La compilazione del registro di carico e scarico è obbligatoria per i soggetti che smaltiscono rifiuti pericolosi e per le aziende che producono rifiuti speciali derivanti dalle attività artigianali, industriali.) 

Sì. Ci sono sanzioni amministrative di carattere pecuniario (da € 2.600 a € 15.500 per rifiuti non pericolosi e da € 15500 a € 93000 per i rifiuti pericolosi) e sanzione amministrativa accessoria della sospensione da un mese a un anno dalla carica rivestita dal soggetto responsabile dell’infrazione e dalla carica di amministratore. 

La legge prevede che il produttore del rifiuto sia responsabile per tutto il ciclo di smaltimento toner, che inizia dal momento in cui viene sostituito il toner e finisce nel momento in cui si ha la prova documentata del suo corretto smaltimento CERTIFICATO con rilascio del F.I.R. (Formulario Identificativo Rifiuti) 

NO. Le discariche comunali non possono accettare toner esausti dalle aziende o titolari di partita iva; Il D.Lgs 152/06 ex D.Lgs 22/97 (Decreto Ronchi) classifica i toner usati come Rifiuti Speciali da stampa informatica esausti. Essi non sono assimilabili ai rifiuti urbani e quindi le amministrazioni comunali non sono in grado di effettuare una corretta gestione del rifiuto stesso. 

SI. La legge individua precisamente chi è il responsabile della gestione del rifiuto, ovvero "chi lo genera con la sua attività produttiva". Pertanto il responsabile, a meno di precise e argomentate deroghe, non è il noleggiatore ma bensì l'azienda che stampa e che consuma il toner. 

NO. La responsabilità della gestione del rifiuto dura fino a quando non si riceve la 4° copia del formulario firmata dall'impianto di smaltimento toner che ne certifica il corretto smaltimento e la si unisce alla 1° copia in nostro possesso. 

No, a meno che chi vende le cartucce non abbia anche tutte le autorizzazioni per gestire i rifiuti. La gestione dello smaltimento toner esausti deve essere effettuata solo da aziende iscritte all'albo e provviste di regolare autorizzazione regionale. Chi produce il rifiuto (toner esausto) ha la responsabilità di accertarsi che l'azienda alla quale affida i toner esausti abbia tutte le autorizzazioni necessarie. 

Servizio Clienti
+39 0536 868611

Martinelli S.r.l. Via Circonvallazione N/E, 98 - 41049 Sassuolo (MO) | Tel: 0536 868611 Fax: 0536 868618 | info@martinelli.it - Privacy Policy
P.Iva 02262430362 - C.F. 01413050350 - Iscriz. registro Imprese di Modena 01413050350 - Capitale Sociale 350.000 i.v.